Entries tagged with 'dottrina parot'

Goccia dopo goccia. Storie di dispersione.

  • 12 Novembre, 2013 10:10

Questa intervista è stata realizzata durante il nostro ultimo viaggio nel paese basco. Sabato 16 novembre è arrivata la notizia che purtroppo si aspettava, JonKepa sarà trasferito nel carcere di Algeciras in Andalusia. Quasi vicino lo stretto di Gibilterra questa località dista 1055.048  Km dalla sua Santurzi. Abbiamo tante volte parlato di dispersione eppure la rabbia è tanta. Da quello che ci risulta a Algeciras troverà 16 pres@s per continuare a lottare.  La nostra solidarietà va alla compagna che ci ha dato la possibilità di conoscere questa storia, alla famiglia e agli\alle amic@, pensando ai loro interminabili viaggi. Con te non ci vedremo alla prossima visita, ci ritroveremo liberi.

Lander salutalo anche per noi

GORA EUSKO GUDARIAK

 

Goccia dopo goccia.

Storie di viaggio da Estremera a EH. 

amnistia“Sarei molto contenta di venire a Roma”, ci saluta cosi dopo averla intervistata in una taberna vicino il golfo di Biscaglia. L’abbiamo conosciuta sabato 9 novembre ad Estremera dove è detenuto il suo compagno Jon Kepa, che condivide con Lander e un altro preso la stessa sezione del carcere.  I controlli per effettuare le visite sono lunghi cosi abbiamo il tempo per presentarci e scambiarci qualche battuta. “Si è parlato molto della vostra iniziativa all’agenzia EFE – ci dice-  per il popolo basco è fondamentale la solidarietà internazionale”.  

I colloqui avvengono in lungo corridoio, composto da piccoli locutori racchiusi da uno spesso vetro uno accanto a l’altro. I prime tre sono sempre riservati ai prigionieri baschi. I colloqui sono tutti ascoltati e registrati, in più queste stanze sono attaccate al posto di controllo della penitenziaria che non si perde nessun gesto o piccolo movimento. Quando i presos arrivano o se ne vanno è un continuo scambio di sorrisi e pugni chiusi, cosi abbiamo imparato a conoscere la faccia di Jon Kepa e lui le nostre. Dopo la visita ci diamo appuntamento con lei per il martedì successivo in Euskal Herria.

Siamo vicino a Bilbo ma il pensiero va subito ad Estremera

“oggi in carcere c’è una protesta dei\delle detenut@ basch@. Le autorità spagnole hanno trasferito lì “Txeroki Garikoitz Aspiazu”. Lui è detenuto in Francia dal 2008 ma spesso viene trasferito in Spagna per periodi brevi relativi a processi singoli. Qui è arrivato da qualche settimana ed è sottoposto a un regime di isolamento. Fin da subito gli altri preos@s si sono mobilitati ma di fronte a una mancanza di risposte hanno deciso per uno sciopero”

In che consiste?

“Non usciranno dalle celle né usufruiranno di niente per oggi. Poi valuteranno altre iniziative”

Che ne pensi del carcere di Estremera?

“sono stata una prigioniera politica per cinque anni. Ho girato diversi carceri da detenuta o per fare visite. Credo che Estremera sia uno dei migliori, Madrid è lontana cinquecento km ma molto meno di altri carceri. La struttura è abbastanza moderna e quindi funzionante. Da pochi mesi però è cambiato il direttore. Questo arriva da un carcere dove il trattamento riservato ai prigionieri politici era molto duro. Adesso bisognerà vedere come cambia il tutto”

Quindi non hai avuto problemi fin qui per visitare Jon Kepa?

“è forse un carcere migliore di altri ma è una merda come tutti infatti Jon Kepa è in punizione. Per i prossimi sei mesi, da me, non potrà ricevere né vis a vis (visite senza vetro) né i pacchi”

Raccontaci

“due settimane fa ottengo un vis a vis. Dopo i soliti controlli dei documenti, passo a quelli elettronici, qualcosa suona. Al posto di utilizzare il solito apparecchio a mano insistono per sottopormi a una perquisizione. Ovviamente io mi rifiuto. Perdo cosi il vis a vis, mille km di viaggio per nulla. torno a Bilbo tardi e molto arrabbiata. Il giorno dopo in cella a Jon Kepa arriva la notifica della punizione. Così per i prossimi sei mesi non potrò abbracciarlo, né potremmo fargli entrare una giacca più pesante o un libro. Si capisce che è una punizione tutta politica, non mi hanno trovato nulla. Non esiste nessuna pericolosità reale ma solo presunta, per questo stiamo facendo un ricorso. Questo è uno degli aspetti pratici della repressione. E noi non possiamo accettarla”

Esiste un regolamento rispetto a questi controlli?

“Nell’autunno del 2009 arriva una circolare in diversi carceri spagnoli, non tutti. Con questo atto diventa obbligatoria la perquisizione ai famigliari e agli\alle amic@ dei pres@s. un controllo si può fare senza mettere le mani addosso e se fosse una questione di sicurezza sarebbe estesa a tutt@. Dunque è evidentemente un atto politico. quando la circolare è stata recepita io ero ancora prigioniera. Non volevo che nessuno dei mi@ car@ fosse perquisito. Per questo ho passato gli ultimi mesi della detenzione senza ricevere visite”

Ed è stato cosi per tutt@?

“ no. a volte sono stati i pres@s a decidere e spesso le famiglie. A quel punto c’è stato un dibattito interno pesante e difficile. La perquisizione viene percepita come una violenza da tutt@. Ma è chiaro pure che è difficile rinunciare a vedere chi si ama, detenut@ da chissà quando e per quanto, in quali condizioni e dopo aver sostenuto viaggi lunghissimi per la visita. Questa cosa ci ha un po diviso e alla fine ognuno ha deciso per conto suo. Ancora oggi è cosi”

Come hai visto Jon Kepa sabato?

“è una condizione molto dura. Jon Kepa è di Santurzi un piccolo paese a cui mancano nove persone detenute, due sono a Estremera adesso e questo lo aiuta. Jon Kepa è stato arrestato nel 2004 in Francia accusato di essere un membro di ETA. Ha scontato una pena di sei anni in un carcere di Parigi e poco prima di essere liberato è stato estradato in Spagna in attesa di altri giudizi. Cosi sono passati altri tre anni. Sta subendo tre processi in questo momento, siamo in attesa che la Spagna si esprima su un eventuale condanna e un relativo spostamento in un carcere. Probabilmente più lontano. Complicato dire come sta, diciamo che dei giorni è più disteso, a volte più nervoso, in generale è motivato e come diciamo noi ha molto animo”

Come era il carcere a Parigi? Esistono differenze?

“a Parigi il carcere era più grande e vecchio. I pres@s basch@ erano tredici. La vera differenza però la fa essere condannato o in attesa di giudizio. Il regime carcerario prima del processo è più duro. Hai meno diritti, non puoi accedere ad attività, le visite sono limitate, non esistono i vis a vis, spesso si è in isolamento, passava ventuno ore in cella. Dopo la condanna almeno la detenzione deve far riferimento a un regolamento più trasparante, per quanto rimanga speciale nei confronti di noi baschi. Da quando è ad Estremera riusciamo a fare le visite due volte al mese”

questa immagine non tiene conto del paese basco e delle altre indipendenze. ma rende bene l'idea di quanto Algeciras sia lontano da EH

questa immagine non tiene conto del paese basco e delle altre indipendenze. ma rende bene l’idea di quanto Algeciras sia lontano da EH

Vi hanno già rubato dieci anni di vita e non sapete nemmeno quanto manca. che si prova?

“ la rabbia è tanta, non è giusto, non è possibile accettare questo. Ma per quanto può sembrare strano è una condizione in cui siamo cresciuti e in qualche modo questo aiuta ad affrontarla.”

È una situazione comune?

“non ci si può rassegnare all’idea di non essere liberi è la base della nostra lotta. nella storia della nostra lotta ci sono persone che sono morte durante la detenzione, altre ne sono uscite dopo più di trenta anni solo perché anziane e malate. Dopo la “Parot” stanno uscendo dal carcere compagn@ detenut@ dagli anni settanta, ma come avete visto anche voi all’audiencia nacional gli arresti continuano e le condanne sono altissime. Dobbiamo continuare a lottare per la nostra libertà, non farli mai sentire soli, e organizzarci per portare le famiglie a fare le visite. Tutto questo ha un costo economico assurdo, le distanze sono infinite e i viaggi sono pericolosi, nessuno deve essere lasciato solo”

Vedi una soluzione possibile per i pres@s?

“no al momento no. la Spagna è uno stato fascista nei confronti del popolo basco. Il processo di pace in corso non ci vede sullo stesso livello, cosi non è possibile nessuna trattativa. Gli arresti continuano, i processi aumentano e le condanne pure, le condizioni nelle carceri peggiorano. A Sevilla i\le compagn@ fanno lo sciopero della fame da un mese, e sembra che non abbiamo nemmeno la forza per bloccare il Paese basco come si faceva prima. Non è un bel momento e non vedo soluzioni vicine”

Che ne pensi della solidarietà internazionale?

“è ossigeno puro. Ho letto che ieri per Lander ci sono state molte iniziative oltre la vostra presenza al processo. Da qui sembra che in Italia si parli più di lui che di Berlusconi. Azioni come quella contro Garzon in Argentina o all’agenzia EFE a Roma ci danno molta energia e voglia di lottare”

Ci salutiamo sicuri di rivederci presto, in carcere a trovare i nostri compagni e nelle strade delle nostre città. La solidarietà fa andata e ritorno. E mentre andiamo il pensiero di tutt@ va alla protesta in corso ad Estremera.

 

Martedi 12- 11 -2014

    

      

 

 

11/11 Madrid – Audiencia Nacional contro Lander e Aingeru

  • 12 Novembre, 2013 09:09

Terrorista è lo stato spagnolo che reprime e tortura

Non si può fermare il vento…

11 Novembre 2013; In tanti e tante a Madrid e in molte città in italia, per portare la nostra vicinanza ed esprimere la nostra complicità con Lander, Aingeru e la lotta per l’indipendenza della popolazione basca. Sappiamo che la solidarietà fa paura; lo vediamo quando le lotte si incontrano oltre i limiti di un dato territorio, lo riaffermiamo ogni volta che gridiamo HAMAIKA HERRI BORROKA BAKARRA, tanti popoli un’unica lotta! Con questo ben chiaro in mente e la forte volontà di rivedere Lander arriviamo la mattina presto di fronte all’Audiencia Nacional, un edificio nascosto nella zona industriale alla periferia di Madrid, come a voler nascondere agli occhi del mondo i soprusi e i processi preconfezionati che lo stato spagnolo impone a migliaia di militanti baschi . Le numerose persone giunte da Euskal Herria dopo ore di viaggio vogliono, come noi, stringersi intorno a chi si trova a dover subire dei processi politici. Difatti, nelle stesse ore, in un’altra aula si consuma il processo verso tre compagn* che, dopo aver subito dure torture e aver passato quasi 3 anni in completo isolamento, rischiano una condanna di migliaia di anni a testa. Sentenza che probabilmente servirà da risposta ‘esemplare’ per smorzare la sete di vendetta dell’opinione pubblica e della destra forcaiola spagnola, dopo che la sentenza della corte di Strasburgo ha confermato la condanna alla “dottrina Parot”, costringendo la spagna a liberare diverse persone che hanno già trascorso decine di anni in carcere.

uncasobascoLa presenza di almeno una cinquantina di solidali all’esterno del tribunale speciale innervosisce da subito la Policia Nacional che non permette a nessun* di entrare, in attesa di indicazioni dall’alto. Ci viene comunicato che solo cinque persone in tutta la giornata potranno assistere al processo di Lander e Aingeru.
In qualche modo vogliono ostacolarci e impedirci di portare la nostra vicinanza ai compagni. Non ci scoraggiamo e continuiamo a fare pressione per poter entrare finchè non ‘capiscono’ che è possibile farci fare dei turni per poter assistere al dibattimento.
Come a  volerci ribadire quali fossero le categorie con le quali la giustizia spagnola divide la popolazione, ai primi solidali che possono accedere all’edificio per assistere alla farsa che si dovrà consumare di li a poco viene chiesto insistentemente se si trovano li  per “Droga o terrorismo?”. C’ è voluto un po’ per fargli capire che noi non vediamo nè drogati nè terroristi, ma semplicemente Lander Fernandez e Aingeru Cardano, due compagni baschi sotto processo come tant* altr* per le loro idee . Sembrava quindi improbabile riuscire a far comprendere ai servi in divisa di fronte a noi che l’unico terrorista che riconoscevamo senza esitazioni era lo stato spagnolo.

Rivedere Lander dopo diversi mesi (per chi veniva da roma) o dopo diversi anni (per chi era arrivato da Euskal Herria) e portare la nostra vicinanza anche ad Aingeru e a tutt* i prigionieri e le prigioniere politiche basche, è stato l’unico vero motivo che ci ha spinto a voler entrare nell’Audiencia Nacional. Tribunale speciale dal quale non ci aspettiamo nessun tipo di regalo o giustizia. Sappiamo che la questione basca e dei presoak è una questione politica che non troverà nessuna soluzione degna all’interno delle aule di tribunale.
Torniamo a Roma  con l’immagine forte di Lander, che si gira per guardarci durante il processo e ci sorride. Nel suo sguardo la dignità e la voglia di libertà di un’intera popolazione.
In attesa della sentenza Lander ora si trova nuovamente nel carcere di Estremera, dove insieme agli altri prigionieri baschi ha cominciato una protesta per far uscire dall’isolamento un compagno estradato da poco dalla francia.
Al vostro fianco continueremo a camminare, senza la vostra libertà non saremo mai liberi e libere!
Euskal Presoak eta Hieslariak Kalera!
Daje Lander!

 

Di seguito il report de processo:

Lunedì 11 novembre,Torrejon de Ardoz, comune della zona metropolitana di Madrid dove ha una sede distaccata l’Audiencia Nacional, chiamata a decidere sulle imputazioni a carico di Lander e Aingeru.

La sala adibita al giudizio è la più piccola del palazzo di giustizia.

foto 2Nella saletta dove si tiene il processo per danni aggravati nei confronti di Lander e Aingeru, possono entrare solo 5 ospiti alla volta. Inizierà così un “giro di valzer” con un continuo andirivieni dall’aula per permettere e ai/lle compagn* venuti da Bilbao e ai molt* attivist* del comitato “un caso basco a Roma” di rivedere Lander dopo 7 mesi dal giorno dell’estradizione.

Alle 10,30 inizia il procedimento vero e proprio, secondo la sceneggiatura che già conosciamo: l’arrivo degli imputati in aula, il giudice che legge loro i capi di imputazione e le richieste di condanna della pubblica accusa, le domande di ufficio che accusa e difesa rivolgono ai due.
E’da notare come il “fiscal” (il pm, ndr) abbia inizialmente ridimensionato l’accusa nei confronti degli imputati, passando da un reato di “devastazione” a un più lieve “danneggiamento”.
La pena richiesta: 3 anni di reclusione e 8 mila euro di responsabilità civile.

Conclusi i rituali che danno il là al processo, si è entrati nel vivo della fase dibattimentale. Hanno iniziato a testimoniare, così, gli agenti della polizia autonoma basca che sono intervenuti nel febbraio 2002 sul luogo del reato, poi il conducente del bus che prese fuoco e ancora gli agenti dell’Erzaintza che interrogarono ed estorsero sotto tortura le dichiarazioni di colpevolezza ad Aingeru.

Tutti questi testi hanno parlato schermati, anonimi, nascosti da un separè.
Dalle testimonianze del conducente del bus e degli aguzzini di Aingeru (che ammettono di aver raccolto le informazioni durante il suo periodo di “incomunicacion”) iniziano a insinuarsi le prime crepe nell’impianto accusatorio.

 

foto 1Dopo una breve pausa, riprende il processo con un confronto diretto fra i periti della polizia basca e il perito di parte riguardo alla prova che riporterebbe Lander sul luogo del reato: un ritrovamento di DNA su una felpa. E qui, l’accusa subisce un altro duro colpo.
Perché – aldilà delle osservazioni sul metodo della raccolta del DNA, del ritrovamento della felpa e di altre questioni procedurali – tutti i periti concordano che i profili genetici delle diverse prove raccolte sono semplicemente “compatibili” – e addirittura in alcuni casi compatibili con una “mezcla” (miscela, ndr) – con quelli rintracciati sulle prove: come per dire che il DNA di Lander è compatibile con i DNA rintracciati sul luogo del reato, come potrebbe esserlo quello di un altro o di più individui.
Alla fine di questa fase, si è proceduti con le arringhe finali.
Il pubblico ministero conferma le richieste iniziali: 3 anni di reclusione ad aggiungersi al risarcimento civile, per il reato di danneggiamento con l’aggravante di finalità terroristica, fondando la sua tesi sulla dichiarazione in “incomunicacion” fornita da Aingeru e dalla compatibilità del DNA dei due con quelli rintracciati dall’Ertzainza a Bilbao.

 

foto 4La parola poi passa alla difesa che al contrario chiede un’assoluzione piena dei due, perché l’impianto accusatorio del “fiscal” non poggia su alcuna prova “diretta”: da un lato, infatti, la dichiarazione raccolta in “incomunicacion” (come suggerisce la CEDU che segnala questa come una pratica non rispettosa dei diritti umani) viene rigettata come prova acquisibile; dall’altro per tutte le falle che minano l’accusa dedotta dalla raccolta dei dati genetici.
Inoltre, la difesa ha richiesto che decadesse l’aggravante di “terrorismo” vista la mancata rivendicazione dell’atto (come ammesso dallo stesso “fiscal”) e quindi che si prendesse atto della prescrizione maturata relativamente al reato di danneggiamento.

E’ stato a quel punto che la Corte si è alzata e si è ritirata per deliberare la sentenza.

 

 

“DOTTRINA PAROT” – La Corte Europea condanna la spagna!

  • 21 Ottobre, 2013 18:34

La corte europea conferma la condanna alla spagna

Bocciata la “dottrina parot”. Libertà subito per Ines e tutt@ gli\le altr@

 

1377135_706296646066945_909468430_nCon 15 voti a favore e 2 contro, la corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha confermato la condanna alla spagna per l’applicazione della “dottrina parot”. Rigettato il ricorso preparato da madrid e ribadita la risoluzione adottata il 10 luglio del 2012 dalla stessa corte. Il presidente Dean Spielmann nella dichiarazione ufficiale dichiara che la “dottrina parot” viola gli articoli 7 e l’articolo 5.1 della convenzione europea dei diritti dell’uomo, richiedendo la scarcerazione “al più presto” di Ines e costringe la spagna a pagare 30.000 euro per danni morali subiti e 1500 euro di spese legali.

Anche se era nell’aria è un duro colpo per madrid. Il governo spagnolo contrariato dichiara che a breve incontrerà le associazioni dei famigliari delle vittime per decidere le prossime mosse. Difficile prevedere fin dove si può spingere la voglia di persecuzione spagnola nei confronti del paese basco, ma almeno sulla “dottrina parot” con oggi si chiude un’ infamità che durava da troppo.

La “dottrina parot” è una sentenza (197/2006) che  prevede la possibilità’ di cumulare diverse pene detentive nei confronti di un soggetto condannato. Il provvedimento e’ stato inserito nella riforma del codice penale spagnolo per “superare” la mancanza dell’ergastolo come condanna possibile nel loro ordinamento. L’estensione della condanna ha nei fatti “ri-condannato” 77 prigionier@ politic@ spesso in procinto di essere liberati o in generale che avevano superato i due\terzi della pena, a continuare la loro detenzione. I presos colpiti dalla “dottrina parot” sono militanti arrestati negli anni 80 e quindi prigionier@ con condanne molto alte e imprigionat@ da troppo. Insomma insostenibile per la spagna vederli di nuovo liberi e libere. Arrestati nel momento più caldo del conflitto armato e per cui raccontati e condanni come mostri. Da qui l’accanimento e la dottrina infame.

Ines Del Rio Prada militante basca arrestata nel 1987 doveva essere rilasciata nel 2008 ma la spagna l’ha condanna ad altri 10 anni per queste assurde misure retroattive. Da qui il primo il ricorso accettato dalla corte europea che ne richiedeva la scarcerazione. L’anno scorso quindi toccò alla spagna fare ricorso e oggi si è chiuso l’ultimo capitolo.

1235424_10151644882566389_827338333_nSono 77 i\le detenut@ storic@ che hanno subito la “dottrina parot”, 8 hanno già completato pure l’estensione, 6 sono stati rilasciati per altri motivi, e 66 sono ancora incarcerati. Questi potrebbero impugnare questa sentenza e essere rilasciata nei prossimi mesi. La prima sarà comunque Ines. Herrira ha dichiarato inoltre che sono 136 le persone che hanno già scontato almeno due terzi o i tre quarti della pena e che senza l’incubo della “dottrina parot” anche loro vedono avvicinarsi il momento del ritorno. Ora bisogna capire le prossime mosse di madrid, certi che non possono permettersi lo smacco della felicità e faranno di tutto per rovinare gli ONGI ETORRI di quest@ compagn@.

 

 

http://www.youtube.com/watch?v=Br8grFye55s&feature=youtu.be

INES LIBERA!

TUTTI LIBERE!